La nostra esperienza al vostro servizio,

                                               al vostro servizio la nostra esperienza

In soli 11 anni di attività (dati aggiornati al 31/12/2014) la SELIT ha fornito o installato elettronica per la gestione di oltre 330 convertitori. La potenza degli impianti realizzati varia dai 10KW ai 36MW.

 

Evidenziamo alcune delle installazioni di maggior rilievo:

Cina tre impianti di riscaldo bramme per una potenza complessiva di 108MW

Italia impianto riscaldo bramme da 36MW

Italia revamping impianto riscaldo bramme da 20MW

Italia impianto riscaldo bordi da 2MW

Italia un convertitore 1,1MW su linea esistente di bonifica barre

 

 

 

Contattateci per avere maggiori dettagli ed una lista più dettagliata degli impianti realizzati. info@selitsrl.com

 

 

Acciaieria Arvedi

La realizzazione più importante è senza dubbio il forno ad induzione da 36 MW installato presso l'Acciaieria Arvedi S.p.A. che deve essere considerata la prima realizzazione al mondo di questo tipo. L’installazione è stata realizzata nel dicembre 2008 e l’impianto è entrato in produzione a giugno 2009. La SELIT pur essendo una azienda di dimensioni molto limitate è in grado di operare ad un livello tecnologico non solo elevato ma anche innovativo grazie alle risorse interne ed ai numerosi collaboratori esterni.

L'ACCIAIERIA ARVEDI S.p.A. ha iniziato nel giugno 2009 la produzione di laminati piani (fino a spessori di 0,8 mm) con la nuova linea di “laminazione da colata continua senza interruzione” realizzata con tecnologia ARVEDI e prodotta da SIEMENS VAI.

Questa linea di produzione di laminati piani a caldo è la prima al mondo con tali caratteristiche ed è estremamente innovativa per i suoi consumi energetici contenuti, le dimensioni compatte, e la qualità dei laminati prodotti.

La produzione è di 2 milioni di ton/anno. Il forno ad induzione costruito dalla SELIT è inserito a valle delle gabbie di laminazione di sbozzatura ed esegue la ripresa di temperatura della lamiera. La lamiera, che ha una larghezza di 1570 mm e spessore compreso tra i 20 ed i 10 mm, necessita di un salto termico di 350°C. Il forno è costituito da nr 12 generatori della potenza di 3.000 KW cadauno + nr 12 banchi condensatori + nr 12 induttori di riscaldo. I generatori di 3.000 KW sono interamente costruiti e progettati dalla SELIT mentre i banchi condensatori e gli induttori sono di progettazione SELIT ma interamente costruiti dall'ACCIAIERIA ARVEDI. Gli induttori di riscaldo sono totalmente di progettazione SELIT e sono coperti da brevetto industriale di proprietà dell'ACCIAIERIA ARVEDI.

Queste tipologie di forni ad induzione sono sempre costruiti in collaborazione tra SELIT ed ACCIAIERIA ARVEDI.

La particolarità importante del forno è che rende sempre disponibile la potenza di 3.000 KW sia con spessori della lamiera di 20 mm che di 10 mm; questo nonostante la modalità di produzione non renda possibile la sostituzione dell’induttore e quindi venga utilizzato sempre lo stesso induttore per lo spessore da 20 mm fino a 10 mm; questa prestazione eccellente è resa possibile dalla particolare impostazione tecnica utilizzata dalla SELIT. Si deve puntualizzare che con un impianto tradizionale avremmo a disposizione soltanto 1.700 KW quando lo spessore della lamiera è di 10 mm.

Tutti i generatori sono stati costruiti con tecnologia interamente ad SCR perché è richiesta una affidabilità molto elevata essendo il laminatoio in produzione 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. In questi tipi di applicazione, dove necessitano grandi potenze, gli SCR sono ancora componenti estremamente più affidabili e performanti degli IGBT avendo inoltre la metà delle perdite energetiche. Si deve anche aggiungere che normalmente gli SCR non vengono utilizzati con frequenze superiori ai 5 KHz, mentre la SELIT, grazie alla sua tecnologia, ha la possibilità di produrre generatori con frequenze fino a 20 KHz anche con l’utilizzo degli SCR.

 

 

 

SELIT s.r.l. | REA 986662 | Reg. Impresa 08610510011/2003 | Cap.soc.€ 60.000,00 i.v. | P.IVA 08610510011 | info@selitsrl.com

Case History